Federica Fragapane

Schermata 2016-07-20 alle 11.21.29

Federica Fragapane è un’information designer freelance.

Durante i suoi studi al Politecnico di Milano, si è specializzata nel ramo dell’Information Design e della visualizzazione di dati. La sua tesi di laurea magistrale è stata selezionata e pubblicata nel volume ADI Design Index 2015 per la categoria Targa Giovani e uno dei suoi progetti ha ricevuto la Menzione d’Onore al KANTAR Information is Beautiful Awards 2014.

Nel corso degli anni ha collaborato con diversi studi e aziende in Italia e all’estero, tra cui Condé Nast e RCS MediaGroup.

I suoi progetti sono stati pubblicati su Wired Italia, Wired Uk e Corriere della Sera.

Qual è il ruolo dell’integrazione nell’information design?     Quello dell’information design e della data visualization è un campo in costante evoluzione e diffusione. Gli ambiti in cui questo settore si inserisce sono molteplici e possono essere molto distanti tra loro. Per interagire con ambienti semantici diversi, l’information designer adotta un alfabeto ampio. Integrazione è quindi una parola chiave. Integrazione tra competenze, tra aree di intervento, tra numeri, forme, colori, linee. Il potenziale comunicativo di un dato è molto alto, lo strumento della data visualization permette di rinforzare questo potenziale e di ampliarne le prospettive. Ed è proprio attraverso l’integrazione di conoscenza, di numeri e di forme visive che si raggiunge questo risultato. Lo strumento attraverso cui viene trasmesso il messaggio diventa messaggio stesso e questo fa sì che, nel momento in cui si compiono delle scelte legate alla rappresentazione visiva di un dato, ci sia una responsabilità da assumere. I dati e la loro rappresentazione sono legati da una connessione inscindibile, che va ben oltre la pura valenza estetica. Devono comunicare tra di loro e all’esterno, devono integrarsi tra di loro e con l’esterno. Perché – un’altra integrazione necessaria – è quella con il destinatario del messaggio. La rappresentazione visiva si deve integrare con l’ambiente cui è destinata. La comprensione è un elemento fondamentale e primario, nonché il fine ultimo.