“Risparmio, chi è più felice (rischia e) guadagna di più” (@IlSole24Ore)

14 maggio 2014 Dicono di noiInterviste

Il Sole 24 Ore

Il denaro non dà la felicità, ma la felicità dà il denaro. O quanto meno aiuta a conquistarlo, perchè permette di affrontare in modo oculato il rischio connesso alle scelte finanziarie, ottenendone un risultato soddisfacente. Oppure, visto da un altro punto di vista, chi ha un approccio negativo è gravato da una serie di tare mentali che non gli permettono di affrontare con serenità le scelte più coerenti con le proprie necessità.

E’ questo il risultato più rilevante della ricerca realizzata da Schroders attraverso Investimente.it, il sito web dedicato alla finanza comportamentale, in partnership scientifica con Matteo Motterlini, Direttore del Cresa (Centro di Ricerca in Epistemologia Sperimentale e Applicata – Università Vita-Salute San Raffaele). Una ricerca che aggiunge elementi importanti nella disciplina della finanza comportamentale, che da anni indaga il funzionamento dell a mente umana di fronte al denaro.

«Ciò che è sempre più evidente è la necessità che gli istituti finanziari comincino ad attrezzarsi con strumenti scientificamente robusti con cui tenere conto del ruolo giocato dalle emozioni e dall’irrazionalità, e a raccogliere informazioni utili a scontare per quanto possibile tali fattori per calibrare meglio il proprio lavoro nell’interesse, prima di tutto, dei risparmiatori».

Leggi l’articolo completo (di Marco lo Conte)

Investimente

Share Button